Arrivati solo ora i banchi monoposto, ma sono di plastica e troppo grandi: al “De Castro” quasi una beffa

La denuncia del dirigente della scuola, Pino Tilocca: "Spreco di tempo e denaro"

I banchi arrivati all’Istituto “De Castro” di Oristano e Terralba

Non ha portato sollievo l’arrivo degli attesti e più sicuri banchi monoposto all’Istituto “De Castro” di Oristano (che comprende il Liceo Classico e l’Artistico) e Terralba.

“Si tratta di oggettini in plastica che ricordano più i tavolini da campeggio che gli arredi scolastici”, commenta il dirigente scolastico Pino Tilocca, mostrando le foto dei banchi. “Siamo rimasti sconcertati all’arrivo di questa roba stamattina”.

Il materiale con cui sono realizzati, che li rende non durevoli, non è però l’unico problema: “Non sono delle dimensioni che avevamo richiesto, ma più grandi”, spiega Tilocca. “Non ci permettono, dunque, di risolvere il problema della distanza tra i ragazzi, a meno che non sacrifichiamo i corridoi di passaggio, cosa che non possiamo fare perché per legge deve essere di almeno 80 centimetri”.

Un’attesa inutile, dunque, quella dei ragazzi, ma soprattutto del personale scolastico che sulle misure dei banchi richiesti, per mesi, ha organizzato la gestione delle aule dei tre Istituti: “Abbiamo progettato gli spazi di 62 aule e le abbiamo assegnate in base alla numerosità degli alunni per poi vederci arrivare questa roba qui. È deprimente”, commenta Pino Tilocca. “Abbiamo perso tanto tempo, con grande spreco di denaro pubblico”.

Un’amarezza che aumenta all’idea di aver rinunciato a banchi più solidi e duraturi: “Stiamo dismettendo banchi buoni per prenderne altri che dureranno si e no 2 anni. E nel nostro caso c’era un buon 90% di banchi ancora in ottime condizioni”.

I vecchi banchi saranno assegnati alla Provincia.

“Quelli di Terralba, Istituto nel quale abbiamo spazi, li stiamo conservando in locali liberi, gli altri li dovrebbe prendere la Provincia per lo smaltimento”, spiega Tilocca. “Sappiamo che li stava conservando all’Istituto Frassinetti, ma se sarà trasferita in quei locali la scuola media Deledda lo spazio potrebbe servire”.

Intanto gli alunni, a eccezione di quelli del Liceo Artistico che frequentano i laboratori, sono ancora in dad.

Un banco, abbinato alla sua sedia

1 commento

  1. E ora? Il preside li rimandi indietro, facendo la segnalazione agli organi competenti per danno erariale se i banchi non sono conformi a quanto previsto dal Ministero. Inutile fare bau bau sui suoi social o su siti locali come questo. È pagato per agire

Rispondi a Alfred Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome