Verso il nuovo Consiglio comunale: scopriamo insieme i possibili 25

In attesa della composizione della Giunta, che potrebbe far scattare qualche sostituzione

Palazzo degli Scolopi

Martedì, 14 giugno 2022

Dopo l’elezione del nuovo sindaco Massimiliano Sanna, si va formando il nuovo Consiglio comunale di Oristano, che resterà in carica per i prossimi cinque anni. È possibile scattare una prima fotografia del futuro organo di governo comunale, in attesa della composizione della Giunta che potrebbe spingere qualche consigliere a lasciare per trasferirsi in un assessorato.

La spartizione dei seggi è ufficiale, l’ha pubblicata il portale del Ministero dell’Interno, Eligendo. Al centrodestra, oltre alla poltrona da sindaco, spettano altri 15 posti in Consiglio. Nel centrosinistra, insieme al posto prenotato da Efisio Sanna, ci sono altri sette seggi. Per la civica “Aristanis” la spunta soltanto il candidato Sergio Locci.

Tornando al centrodestra, quattro sono i seggi in quota Fratelli d’Italia. I candidati consiglieri di FdI più votati sono Peppi Puddu, Rossana Livia Fozzi, Maria Bonaria Zedda e Stefania Orrù.

Tre sono i seggi per i Riformatori. I candidati consiglieri più votati sono Carmen Murru, Antonio Iatalese e Gianfranco Licheri. Due seggi a testa invece per Udc, Sardegna20Venti, Psd’Az e Forza Italia. I candidati più votati nella lista dell’Udc sono Vincenzo Pecoraro e Paolo Angioi; in testa per Sardegna20Venti ci sono invece Roberto Ignazio Antonio Pisanu e Giuliano Uras.

Per il Partito Sardo d’Azione hanno per ora ricevuto più preferenze Simone Pietro Prevete e Gianfranco Porcu, mentre nella lista di Forza Italia – quella con più candidate donne – spiccano due uomini, Gigi Mureddu e il sempre presente Francesco Angelo Pinna.

Nel centrosinistra sono tre i seggi in quota Partito Democratico. I candidati consiglieri del Pd più votati sono Maria Obinu, Massimiliano Daga e Giuseppe Obinu. Due i posti per la civica “Per Efisio Sanna Sindaco”, che vede tra i più votati Carla Della Volpe e Umberto Marcoli. C’è poi un’altra civica, “Oristano Democratica e Possibile”, guidata nelle preferenze dal candidato consigliere Francesco Federico. Un seggio, come riportato da Eligendo, va anche a “Sinistra Futura per Oristano”, lista che vede primeggiare Francesca Marchi.

Fuori dai giochi nel centrodestra i Popolari Europei Autonomisti Sardi, nel centrosinistra la civica “Movimento Oristano” e il Partito Socialista Italiano. Nessun seggio per Filippo Murgia e la sua “Identità e Tradizione”.

La composizione provvisoria del Consiglio dovrebbe quindi essere questa:

Riformatori: Massimiliano Sanna (sindaco), Carmen Murru, Antonio Iatalese e Gianfranco Licheri.
Fratelli d’Italia: Peppi Puddu, Rossana Livia Fozzi, Maria Bonaria Zedda e Stefania Orrù.
Udc: Vincenzo Pecoraro e Paolo Angioi.
Sardegna20Venti: Roberto Ignazio Antonio Pisanu e Giuliano Uras.
Partito Sardo d’Azione: Simone Pietro Prevete e Gianfranco Porcu.
Forza Italia: Gigi Mureddu e Francesco Angelo Pinna.

Partito Democratico: Efisio Sanna, Maria Obinu, Massimiliano Daga e Giuseppe Obinu.
“Per Efisio Sanna Sindaco”: Carla Della Volpe e Umberto Marcoli.
“Oristano Democratica e Possibile”: Francesco Federico.
“Sinistra Futura per Oristano”: Francesca Marchi.

“Aristanis”: Sergio Locci.

2 Commenti

  1. Promemoria per tutti i partiti e movimenti oristanesi:
    1: offendere i cittadini non è un buon punto di ripartenza.
    2: cambiare entourage.
    3: mettersi al servizio della gente e non viceversa
    4: evitare la politica della padronanza e campanilistica.

Rispondi a Domenico Scampuddu Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome