Il sindaco scrive a Draghi: “Il bonus del 110% anche per la bonifica dall’amianto”

Lutzu ha chiesta al Governo anche di finanziare la ricerca per la cura dei tumori legati all'asbesto

Il sindaco di Oristano, Andrea Lutzu

Mercoledì, 28 aprile 2021

“Estendere il super bonus del 110% alla bonifica dall’amianto negli immobili privati, quale voce specifica oltre a quanto previsto sulla sicurezza sismica e per l’efficienza energetica”. Lo chiede il sindaco di Oristano Andrea Lutzu in una comunicazione indirizzata al presidente del Consiglio Mario Draghi, ai ministri del Governo, ai presidenti del Senato e della Camera dei deputati e ai gruppi parlamentari.

Il sindaco Lutzu, in occasione della Giornata mondiale delle vittime dell’amianto, partendo da una lettera aperta dell’Associazione ex esposti amianto della Sardegna di cui ha condiviso i contenuti, ha scritto in rappresentanza di una città simbolo in Sardegna per la lotta contro l’amianto e per i gravi danni alla salute provocati dalla fibra killer.

“L’amianto, come è noto, rimane la causa della maggiore morbilità e mortalità per i lavoratori”, ha sottolineato Lutzu, “mentre aumenta anche il numero dei cittadini inermi e inconsapevoli che per trasmissione (familiare o ambientale) vengono colpiti dalle patologie causate da esso. Per i prossimi trenta, quaranta anni e oltre, continueremo ad avere un numero inesorabile di vittime innocenti e l’unico modo per ridurre, interrompere questa strage silenziosa è accelerare la bonifica dall’amianto in tutti gli ambienti di vita e lavoro e garantire una migliore assistenza sanitaria concreta e adeguata”.

Il sindaco di Oristano propone quindi l’estensione del campo di applicazione dell’Ecobonus alla bonifica dall’amianto negli immobili privati, ma chiede anche di “implementare un pieno utilizzo delle risorse Inail per la bonifica dall’amianto nei processi produttivi e negli impianti industriali, commerciali e agricoli, alzando contestualmente la copertura del contributo in misura del 100%: ogni anno la domanda delle imprese per tali contributi è superiore di quattro volte alle disponibilità finanziarie messe a disposizione dall’Inail e contemporaneamente gli avanzi di gestione dell’Istituto (pari a 4,5 miliardi nell’ultimo triennio) rimangono nelle casse dello Stato”.

Nella lettera aperta inviata alle autorità governative e parlamentari, il sindaco Lutzu chiede anche un impegno per “finanziare la ricerca per la cura dei tumori asbesto correlati, a partire dal Mesotelioma: i primi, anche se piccoli, avanzamenti nella cura non sono stati sostenuti, infatti, dalla ricerca pubblica e le vittime dell’amianto per oltre il 70% sono per causa lavorativa (operai, tecnici, artigiani, piccoli imprenditori)”.

Il sindaco di Oristano ha inoltre chiesto di “rendere più dignitose le attuali prestazioni del fondo per le vittime dell’amianto, prendendo a riferimento i trattamenti dei fondi similari degli altri stati europei. Riconsiderare i tempi di accesso alle prestazioni previdenziali per malati ed esposti all’amianto che hanno un’attesa di vita molto inferiore a quella della popolazione generale. Investire subito sulle problematiche dell’amianto con i risultati immediati, connessi all’aumento della occupazione e alla crescita della sicurezza ambientale e delle tutele sociosanitarie, dando sereno e sicuro futuro alle prossime generazioni”.

1 commento

Rispondi a PU Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome