Contro le erbacce che invadono Oristano il Comune chiede aiuto alla chimica

La città sarà divisa in tre zone: niente diserbanti nelle aree più frequentate

Erba alta su un marciapiede a Oristano

Martedì, 25 giugno 2024

Il Comune di Oristano dichiara guerra alle erbacce, con un piano che utilizzerà anche diserbanti chimici. È la risposta al proliferare delle infestanti contro le quali, fino a questo momento, i metodi meccanici e manuali impiegati non si sono rivelati sufficienti.

La Giunta Sanna, su proposta dell’assessora all’Ambiente Maria Bonaria Zedda, ha dato mandato al dirigente del Servizio ambiente di predisporre un programma di gestione del verde indesiderato in ambito urbano con prodotti ad azione erbicida, compatibili con le prescrizioni del Piano di azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari.

Il piano dovrà tenere conto delle caratteristiche delle aree di intervento e in particolar modo delle diverse modalità di frequentazione da parte della popolazione, e in ogni caso rispettare la normativa sulla riduzione dei rischi per la saluta pubblica e l’ambiente. Per questo motivo si è stabilito di prevedere una classificazione delle varie aree comunali, selezionando quelle idonee all’impiego dei prodotti fitosanitari.

“Una nuova strategia di contenimento ed eliminazione delle erbe infestanti, più efficace e sicura, la chiedono i cittadini e la impone l’eccessiva proliferazione delle erbacce”, spiega il sindaco Massimiliano Sanna. “La strategia passa dall’impiego sicuro di prodotti autorizzati dal Ministero della Salute. Ci concentriamo sulle aree dove le erbacce si moltiplicano e creano un evidente pericolo per la salute, favorendo la proliferazione di insetti dannosi, ma anche per il possibile innesco di incendi. Devono essere aree non frequentate dalla popolazione o frequentate solo saltuariamente, dove i prodotti utilizzati non creano alcun tipo di problema all’uomo”.

“Sono state individuate tre aree con diverse specificità dove prevediamo modalità differenti di intervento”, precisa l’assessora Maria Bonaria Zedda. “In quelle frequentate dalla popolazione, l’utilizzo dei prodotti fitosanitari non sarà consentito, mentre in quelle dove il passaggio dell’uomo avviene saltuariamente o non avviene affatto prevediamo l’utilizzo dei prodotti autorizzati dal Ministero, con frequenza e modalità differenti a seconda della zona, ma sempre in condizioni di assoluta sicurezza. Il programma con i tempi e le modalità degli interventi sarà comunicato a breve”.

Maria Bonaria Zedda

Nella Zona A, quella maggiormente sensibile, sono ricomprese le aree verdi di uso pubblico o privato aperte al pubblico, in cui il diserbo con prodotti chimici è vietato. Rientrano in questa tipologia le aree gioco per bambini, gli impianti sportivi e le aree ricreative, i cortili e le aree verdi all’interno o confinanti con scuole e asili, parchi e giardini pubblici aperti al pubblico, aree prossime a strutture sanitarie, orti urbani comunali e aree riservate ai cani.

Nella Zona B sono ricomprese aree dove la modalità di frequentazione si riduce al semplice transito o saltuariamente alla permanenza e comunque al contatto non diretto con il terreno. In queste aree il ricorso al diserbo chimico (secondo formulari autorizzati dal Ministero della Salute) è consentito due volte l’anno, all’interno di una strategia integrata con interventi fisico/meccanici. Sono inserite le aree cimiteriali, archeologiche, le zone di interesse storico-artistico e paesaggistico, le aree monumentali e quelle oggetto di potenziale frequentazione (ad esempio teatri all’aperto e spazi verdi a servizio di musei).

Nella Zona C, infine, il diserbo chimico è consentito sino a quattro volte l’anno (sempre utilizzando i formulari autorizzati dal Ministero della Salute) all’interno di una strategia integrata con interventi fisico/meccanici. Sono comprese in questa tipologia le aree pavimentate delle piazze, i marciapiedi e le zanelle degli alberi, le piste ciclo-pedonali, i cigli stradali, le aree spartitraffico, il verde stradale e le sue pertinenze.

La delibera della Giunta Sanna specifica che il programma dovrà tenere conto della biodiversità, della devitalizzazione endoterapica e di un’adeguata azione di informazione a favore della popolazione e delle associazioni di categoria.

Massimiliano Sanna

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome