Via alla progettazione della pista ciclabile di Torre Grande

Per la realizzazione dell’intervento sono pronti 1 milione 874mila euro

La nuova pista ciclabile a Torre Grande

Lunedì, 5 settembre 2022

Il Comune di Oristano ha aggiudicato la progettazione della pista ciclabile di Torre Grande a un raggruppamento temporaneo di professionisti formato dagli ingegneri Riccardo Auteri e Narciso Piras, dall’architetto Valerio Montieri, dal geologo Valentino Demurtas e dall’agronomo Federico Corona. 

Il raggruppamento ha presentato l’offerta economicamente più vantaggiosa con il punteggio di 100/100 e un ribasso sull’offerta economica del 42,10%, per un importo di 71mila euro.

“Il progetto, che rientra nel quadro del Programma di rigenerazione urbana, dovrà prevedere la realizzazione di un asse ciclopedonale di collegamento tra la borgata di Torre Grande e il porto turistico, in continuità con la pista sul lungomare Eleonora d’Arborea”, precisa l’assessore ai Lavori pubblici Simone Prevete. “Il progetto punta al completamento del processo di rigenerazione della località marina di Torre Grande, rispondendo all’obiettivo di valorizzazione degli ambiti naturali presenti nell’area, creando percorsi di fruizione per pedoni e biciclette. In particolare, si prevede di realizzare sulla via Millelire, da villa Baldino verso il porticciolo, un percorso ciclopedonale, parcheggi, illuminazione pubblica, sottoservizi e opere a verde”.

L’intervento si configura come un lotto funzionale di un programma generale, in continuità e completamento a due interventi in corso di realizzazione finanziati nell’ambito dell’Accordo di programma quadro Progetto di sviluppo territoriale “Viaggio della Terra dei Giganti”.

Per la realizzazione dell’intervento sono pronti 1 milione 874mila euro. Il Piano nazionale di ripresa e resilienza mette a disposizione 1 milione 800mila euro.

Simone Prevete

3 Commenti

  1. Non dimenticate di raddoppiare il porto turistico, sul lato verso Torregrande. In modo da poter raggiungere anche con questa pista la zona delle belle barche, yachts, ristoranti, ecc. (L’attuale porto turistico resterebbe a disposizione dei pescatori). Dai Oristano datti una mossa !!!

  2. Serve un campo boe nella zona ex baracche per fare concorrenza a quello di mare morto di Cabras. Anche un molo removibile. Serve 3-4 mesi all’anno, solo d’estate per i tanti che hanno o vorrebbero una barca ma che non vogliono/possono tenerla al porticciolo.

  3. @Victor … Concorrenza?? 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣Ma secondo me non stai bene 🤣🤣🤣🤣 Ma che problemi avete ?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome