“Anche a Oristano convenzioni con i veterinari e rimborsi per le sterilizzazioni degli animali domestici”

La proposta dei consiglieri comunali Murru, Iatalese e Licheri per contrastare il randagismo: presentata una mozione

Cane randagio

Sabato, 27 agosto 2022

Una convenzione con gli ambulatori veterinari di Oristano o il rimborso per le operazioni di sterilizzazione degli animali domestici. È la proposta lanciata dal gruppo dei Riformatori Sardi in consiglio comunale – composto da Carmen Murru, Antonio Iatalese e Gianfranco Licheri – per prevenire il randagismo.

I tre consiglieri hanno depositato una mozione con la quale si richiede alla Giunta di attivarsi, “con intento propositivo e di supporto all’attività dell’esecutivo”, precisano i consiglieri.

Nel documento si chiede che il comune (come già succede altrove, Sassari per esempio), incentivi i privati a sterilizzare i propri animali domestici (cani e gatti) attraverso, appunto, una convenzione con i veterinari operanti in città oppure riconoscendo (in base all’ISEE di ogni richiedente) un rimborso per le sterilizzazioni avvenute.

“Questo intervento andrebbe a contrastare in maniera efficace il fenomeno del randagismo in quanto eviterebbe la possibilità che gli animali vaganti, perché sfuggiti al controllo dei proprietari, si possano riprodurre accoppiandosi con esemplari randagi o inselvatichiti”, spiegano Murru, Iatalese e Licheri.

“È la prima di una serie di proposte sul benessere animale che stiamo preparando col Gruppo consiliare”, precisa la prima firmataria della proposta, Carmen Murru, “la predisposizione di una campagna di sterilizzazione, da ripetersi negli anni, è fondamentale per prevenire il fenomeno del randagismo. Ricordiamo che i cani e i gatti randagi vivono in condizioni precarie e sono quotidianamente a rischio. Con questa richiesta vorremmo scongiurare questo pericolo”.

Particolarmente soddisfatto anche Iatalese: “Spero che il Consiglio comunale accetti questa proposta che nasce in seguito all’incontro con l’Enpa e con le associazioni animaliste e i volontari che, quotidianamente sono impegnati per aiutare gli animali in difficoltà. Fortunatamente nella nostra città la sensibilità su queste tematiche è molto alta ed è giusto che anche l’amministrazione lo riconosca con i dovuti provvedimenti”.

“Auspico che la nostra richiesta trovi accoglimento in Consiglio e che la Giunta sia conseguente”, conclude Licheri. “Impegnarsi per prevenire il randagismo è una battaglia di civiltà che va a beneficio di tutti i cittadini. Anche perché attuare una campagna di sterilizzazione permetterebbe delle economie per la nostra amministrazione. È una proposta importante ma non impossibile da realizzare nel corso di questa consiliatura”.

1 commento

  1. Finalmente, grazie alla proposta dei consiglieri Murru, Iatalese e Licheri, anche in città si dà considerazione al fenomeno del randagismo in modo tale da contrastarlo. Auspichiamo che questo progetto, di grande civiltà, venga portato avanti con l’assenso di tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome