Cantiere deserto e tanto fango in piazza Ungheria. Disagi per pedoni e automobilisti, ma non solo

Senza l'asfalto la strada è diventata un pantano

La strada ridotta un pantano dopo la rimozione dell’asfalto

Giovedì, 7 aprile 2022

Mezzi fermi e cantiere apparentemente chiuso, oggi a metà mattina in piazza Ungheria. Chi abita o lavora nella zona racconta che l’ultimo operaio dell’impresa che si è aggiudicata l’appalto è passato lunedì, per sistemare le aiuole. Ma dalla scorsa settimana non si capisce se i lavori, sino all’altro giorno andati piuttosto spediti, stiano proseguendo regolarmente. Di certo hanno subito una battuta d’arresto.

Tanti problemi per chi vive nei due condomini della zona, per i viaggiatori (talvolta con bagaglio a mano), i tassisti, gli automobilisti e i gestori degli esercizi commerciali: con la pioggia, la strada si è ridotta a un pantano, dopo la rimozione dell’asfalto.

Finora l’impresa Mascia di Cabras, dopo la posa dei sottoservizi, ha ultimato la pavimentazione della piazza e la realizzazione delle aiuole. Mancano il marciapiede sul lato della fermata dei bus e l’asfalto sulla strada.

Dall’impresa assicurano che il cantiere non è chiuso. In municipio, gli assessori Francesco Pinna (Lavori pubblici) e Gianfranco Licheri (Urbanistica) spiegano che non esistono problemi: il cantiere si è fermato solo per il maltempo.

“Dalla scorsa settimana non ho più visto gli operai”, dice Federico Fadda, dal ristorante La pantera. “La strada è intransitabile e i disagi sono aumentati. Da quando sono iniziati questi lavori sono spariti i clienti, anche a causa della mancanza dei marciapiedi. Forse il sindaco dovrebbe fare un accordo con le Ferrovie per realizzare dei posti auto all’interno del piazzale inutilizzato”.

Il cantiere vuoto oggi in tarda mattinata
La strada di accesso alle palazzine

7 Commenti

  1. Le fotografie ci fanno capire che anche a pavimentazione completata, il contorno del minestrone di edifici faranno fare una pessima figura anche al miglior lavoro di questa terra.

  2. La settimana prima delle elezioni inaugurazione, rinfresco e discorsi di circostanza. Intanto i lavori della piazza per buonsenso sarebbero dovuti iniziare dopo fine lavori dell’ intermodale sopratutto per il problema dei parcheggi.

  3. ma ..non ho parole perché il giornalista che scrive si deve informare ,ma ora gli do due informazioni
    cantiere consegnato il 31 .01. 2022
    a tutt’oggi eseguito per il 90%
    data di fine lavori prevista – 30 giugno 2022
    e la risposta è presto data .
    Disagi ?
    è un cantiere e con il massimo impegno lo stiamo rendendo accessibile , ma contro le condizioni meteo credo che non si possa andare

  4. Certo che di pazienza ce ne vuole tanta. Ma perché non andate voi a dirigere i lavori forse tutto andrebbe meglio. Ringraziate che tutti questi lavori sono iniziati, perché prima neanche l’ombra si è mai vista. Riguardo ai clienti della pizzeria non credo che i lavori allontanino le persone .

  5. Forse il problema non è il maltempo … ma lo stato pietoso del lastricato utilizzato per la “nuova” pavimentazione, già pieno di buchi e rotture prima ancora della consegna dei lavori, di quella che doveva essere nei proclami .. il “biglietto da visita” dell’ingresso in città.
    Chi può venga a vederlo con i propi occhi (spiace non poter allegare delle foto) 🤦‍♂️

  6. Credo vivamente che si debbano riconoscere i celeri lavori svolti sino a qualche giorno fa, ma avendo rimosso il vecchio asfalto al fine di rimettere quello nuovo senza pensare che se fosse piovuto il risultato sarebbe stato esattamente questo, ovvero grandi pozzanghere e fanghiglia (si può vedere dalle fotografie) rendendo difficilissimo il transito di qualsiasi mezzo o a piedi come di consueto, si può bene immaginare che i disagi creati non sarebbero stati pochi, per le abitazioni vicine ed anche per le attività. Quindi sicuramente ringraziamo tutti il Comune per aver fatto iniziare i lavori alla stazione di Oristano, città in cui viviamo, però che consentano nonostante la pioggia di continuare a chi ci transita occasionalmente, a chi ci abita, a chi ci lavora di poterlo fare senza alcun disagio, perché la pioggia è prevedibile in questi mesi.

  7. Oristanesi non siete mai contenti… con la bacheca magico e senza un po di sopportazione non si ottiene nulla… finalmente una bella piazza

Rispondi a DANIELE Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome