Ascensori che non funzionano e cantine al buio: traslochi a rilento in viale Indipendenza

Oltre la metà degli affittuari non si è ancora trasferita nel complesso realizzato da Area

Le palazzine di Area consegnate due mesi fa

Giovedì, 14 aprile 2022

A un mese esatto dalla consegna degli appartamenti di edilizia residenziale pubblica di Area in viale Indipendenza si registrano i primi problemi. I nuovi inquilini segnalano disfunzioni e presunte inadempienze da parte dell’Agenzia regionale di edilizia abitativa: cantine senza luce e allagate, così come i vani ascensori, mentre gli impianti di climatizzazione sono fuori uso.

Oltre la metà degli affittuari non si è ancora trasferita nel complesso edilizio, che ospita 42 appartamenti divisi in due lotti.

“L’acqua è arrivata solo martedì, dopo solleciti e salti mortali, legati alla preparazione dei documenti”, racconta uno degli inquilini. “L’energia elettrica è stata allacciata due settimane fa ma non è stata allacciata né per gli scantinati né per gli ascensori. Gli allagamenti delle cantine e del piano terra sono stati causati proprio dalla mancanza dell’energia elettrica”.

Fuori uso anche gli impianti di climatizzazione, nonostante il complesso sia dotato di un sofisticato impianto fotovoltaico. “Abbiamo fatto intervenire i tecnici scoprendo che i condizionatori sono scarichi e senza gas”, spiega una pensionata. “La cosa più grave è che eravamo senz’acqua e non abbiamo potuto fare ancora il trasloco. Impossibile, visto che gli ascensori non sono ancora collegati alla rete elettrica”.

Ieri mattina due ragazzi hanno dovuto portare di peso al quinto piano una pesante lavatrice. Molti dei nuovi inquilini si chiedono in che modo potranno trasportare i mobili e gli arredi nelle fasi del trasloco.

Tanti hanno contestato anche le mancate pulizie degli appartamenti e delle parti comuni. “L’Area al momento della consegna delle chiavi e della firma del contratto”, ricorda un residente, “aveva promesso che le prime pulizie sarebbero state a loro carico. Invece dobbiamo pagare tutto noi”. 

I nuovi appartamenti erano stati consegnati dai vertici di Area, alla presenza del sindaco Andrea Lutzu e di altri amministratori il 15 marzo. In quella occasione era stato promesso che entro pochi mesi sarebbero stati ultimati i  lavori nel piano terra, nei parcheggi e negli scantinati.  Secondo gli inquilini, ad oggi non ci sarebbe neppure il bando.

Il piano pilotis aspetta le rifiniture
Gli ascensori sono ancora fermi

5 Commenti

  1. Complimenti al sindaco blablabla con tutta la sua giunta…io lo avevo scritto che era una farsa consegnare appartamenti su cui dover ancora intervenire ed ecco la conferma…a casa a casa e vergognatevi

  2. Ancora un po’ di tempo e tutto sarà di rifare . Mi chiedo con quale criterio si possano realizzare simili opere . Un pugno nell’occhio al quartiere . Edilizia squallidissima, incompleta e consegnati locali senza un filo di verde e fiori . Tutto sempre più vergognoso.

  3. Poi parliamo della centralina elettrica messa nel giardino, uno schifo anziché sistemarlo con nuove panchine e piante lo hanno distrutto

  4. Un’amministrazione pessima! Ci voleva molto ad impostare il progetto con minore superficie coperta e più giardini alla base degli edifici? Come? Costruendo in altezza e dedicando buona parte del terreno a giardini alberati e attrezzati per bambini, giovani, adulti e anziani. Ci voleva molto a farlo?

  5. Caspita, tra mancati architetti e censori della domenica si insinuano anche quelli che dicono “non è che siccome me lo stai regalando, questo appartamento me lo devi consegnare sporco, facendomi così spendere i soldi della prima pulizia!”.
    Consiglierei comunque un ripasso su competenze, norme urbanistiche e polizze assicurative. Altrimenti si corre il rischio di articolare solo un fastidioso blablabla…

Rispondi a Cittadino Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome