Per la piscina comunale sul tavolo un accordo oltre i 20 anni. Opzione fotovoltaico per ridurre i costi

La prossima settimana All Toghether e Promosport faranno un sopralluogo a Oristano

Venerdì, 21 gennaio 2022

Se non ci saranno intoppi, la piscina comunale di Oristano riaprirà tra marzo e aprile. È questa la speranza della società All Toghether, che in associazione temporanea di imprese insieme alla Promosport di Cagliari, sta dialogano col Comune per riuscire a trovare un’intesa per la gestione della struttura. Sul tavolo c’è una bozza di accordo, che però non è stato ancora firmato. E tra le opzioni valutate per rientrare dell’investimento c’è anche quella di puntare forte sull’energia rinnovabile, per esempio sul fotovoltaico.

La prossima settimana la All Toghether, presieduta da Michele Zucca, farà visita alla piscina a Sa Rodia per un sopralluogo. “Vogliamo verificare quali sono le condizioni dell’impianto”, commenta Zucca, “per noi è importante anche capire quali sono le reali spese e i consumi energetici, il cui costo proprio in questo periodo è schizzato alle stelle. C’è poi da considerare anche il Covid-19, che negli ultimi tempi ha penalizzato tanto le piscine”.

Diversi anni fa la società All Toghether aveva partecipato alla gara d’appalto per la gestione fino a 30 anni della piscina comunale. Quella gara era stata poi vinta nell’estate 2015 dall’associazione temporanea di imprese formata da Pellegrini e Acquasport, che si erano accordate per una gestione di 29 anni. I problemi legati all’emergenza sanitaria, la chiusura della struttura e la rescissione contrattuale sono storia recente. E proprio dopo la rescissione dell’accordo col vecchio gestore, il Comune di Oristano ha riallacciato i rapporti con All Toghether e Promosport, che avevano chiuso la gara al secondo posto.

Le due società subentrerebbero nella gestione per un periodo che dovrebbe essere di 23 anni (in sostanza, la rimanenza del vecchio accordo). Non sarebbe quindi un contratto di gestione limitato a soli 18 mesi.

“Siamo fiduciosi”, continua Zucca, “il dialogo con il Comune di Oristano è positivo. Troveremo senz’altro un punto di incontro. Speriamo di riuscire a riaprire la piscina il prima possibile”.

La All Toghether gestisce già una piscina, quella di Lunamatrona. “Ospitiamo anche qualche agonista di Oristano”, dice il presidente della società, “sono ragazzi che dopo la chiusura della comunale non hanno più avuto la possibilità di allenarsi in città”.

E proprio a Lunamatrona è stato installato un impianto fotovoltaico. “Questa soluzione ci ha aiutato a tagliare i costi e andare avanti”, conclude Zucca, “è presto per dire se sarà fattibile anche a Oristano. Per esempio, dovremo verificare posso sostenere l’installazione dei pannelli fotovoltaici. Certamente valuteremo la possibilità di investire sulle energie alternative”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome