La Regione sblocca il progetto di Ivi Petrolifera a Torre Grande: si può costruire

Opere per 36 milioni di euro. Chiusa la valutazione di impatto ambientale

Mercoledì, 19 gennaio 2022

Dieci anni per completare l’intervento turistico-immobiliare da 36 milioni di euro nell’area industriale dismessa dell’ex raffineria Sipsa, a Torre Grande. È il termine fissato dalla Regione, con una delibera della Giunta Solinas che ha chiuso la valutazione dell’impatto ambientale e dato il via libera al progetto della Ivi Petrolifera. Trascorsi i dieci anni, dovrebbe partire un nuovo procedimento, ma il termine sembra abbastanza elastico: in caso di istanza motivata, la Regione non esclude la possibilità di proroghe.

Terminate le operazioni di bonifica, si potrà procedere quindi con la realizzazione del complesso turistico ricettivo, con annesso campo da golf, e degli interventi di riqualificazione ambientale, oltre alle opere di urbanizzazione secondarie.

Il progetto prevede tre hotel e residenze turistico-alberghiere per un totale di 551 posti letto, una spa, un ristorante e un percorso da golf a 9 buche più il campo pratica (non sarà un campo da 18 buche, come prevedeva la proposta iniziale), con annessa club house.

Tra gli interventi anche la riqualificazione dell’area del pontile, la realizzazione di una pista ciclabile lungo la strada provinciale che conduce al pontile, l’ammodernamento del depuratore, la riqualificazione ambientare del compendio forestale, dell’area dunale, della strada che dalla Provinciale 2 porta al primo pontile e della strada sterrata che conduce alla foce del Tirso.

La superficie boscata soggetta a deforestazione è stata quantificata in circa 10 ettari, equamente divisi tra pineta e zona di eucalipti. Sono inoltre previsti interventi di rimboschimento compensativo – al di fuori dell’area Sic dello stagno di Mistras – che dovranno procedere simultaneamente alla realizzazione del campo da golf.

Preso atto delle risultanze istruttorie, l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente ha proposto di esprimere giudizio positivo alla compatibilità ambientale. Da qui il via libera della Giunta.

Quello di Ivi Petrolifera rientra in un più ampio piano di riqualificazione della borgata marina di Oristano che sta prendendo corpo. In particolare, ci sono gli interventi di riqualificazione del lungomare, finanziati dalla programmazione territoriale, senza dimenticare le risorse arrivate grazie al programma di rigenerazione urbana, che consentiranno al Comune di realizzare un percorso ciclopedonale da Villa Baldino al porto turistico e di intervenire su area camper e area grandi eventi, e la riqualificazione del porto turistico.

Negli anni scorsi il piano di interventi promosso da Ivi Petrolifera era stato a lungo contestato dal Gruppo di intervento giuridico e dal Comitato civico per la tutela e lo sviluppo di Torre Grande, nato con l’obiettivo di salvaguardare la pineta. Tre anni fa proprio il Grig e il Comitato avevano anche lanciato una raccolta firme con alcune osservazioni da indirizzare al Servizio di valutazione ambientale della Regione, nell’ambito della procedura di approvazione del progetto.

16 Commenti

  1. Cara giunta io mi chiedo ma cosa ci fa un campo da golf a Oristano non sarebbe meglio un ippodromo visto che gli oristanesi hanno la passione per il cavallo ?cosa ci fa il campo da golf?cara giunta pensateci .🤔

    • Oristano paesone povero. Il golf probabilmente potrà portare turismo se i vertici aziendali lavoreranno bene per incentivare uno sport d’élite. Dare lavoro ai tanti disoccupati che ci sono.
      Mi chiedo cosa potrebbe offrire l’oppodromo alla povertà di Oristano? 4 galoppate di pochi che possono permetterselo? Parlo da amante dei cavalli che ha frequentato una scuola di equitazione. Pensa realmente che un’ippodromo porterebbe indotto?
      Personalmente ne dubito assai.
      La pineta è una discarica, spesso ci vado a correre. Le piante sono mal tenute, per me è bella però ha bisogno di manutenzione periodica e pulizia.
      La Sardegna ha la sua macchia mediterranea che è splendida. Sostituire una parte di pini con la nostra macchia sarebbe una buona scelta. Ma soprattutto darà lavoro.
      Non siamo tutti dipendenti pubblici!

  2. Colgo con grande favore questa delibera che porterà sviluppo e lavoro al territorio dell’Oristanese, creando in particolare occupazione a tanti giovani costretti a umiliarsi con la paghetta settimanale dei genitori. Sarà sviluppato il confronto culturale con persone che arriveranno da tanta parte dell’Europa. Si apriranno diverse prospettive e opportunità operative. Oristano, finalmente, uscirà dal torpore nel quale è immerso da tantissimo tempo a causa di un immobilismo soprattutto politico…ecc., ecc….

  3. Da Oristano nascono i piu grandi nomi dell ippica mondiale la passione per il cavallo e nel DNA oristanese….ma seppure al centro della Sardegna facilmente raggiungibile ..non è mai stato preso in considerazione un ippodromo …Torre Grande sarebbe l’ideale

  4. Ma con tutto lo spazio libero (e desertico) che abbiamo, c’è proprio bisogno di farlo in pineta e deforestare 10 ettari di alberi sani che noi tutti apprezziamo. È assurdo.

  5. Daniele, stare in natura e sentirti libero? Ma ti sei fatto un giro in pineta? Alberi malandati che si soffocano a vicenda, rifiuti abbandonati in ogni dove, automobili e quad che scorrazzano giorno e notte da pineta a spiaggia. È uno schifo totale !

  6. Serena, in pineta ci vado tutti i giorni a correre, se gli alberi sono malandati è perchè nessuno ne tiene cura, se parla dei rifiuti è perchè c’è qualcuno che li butta li, di certo non vanno soli i rifiuti a morire nel bosco e se gli automobilisti ci vanno di giorno e notte è semplicemente perchè non ci sono controllo che vietano che li non si può entrare nel bosco, di certo in pieno inverno non sono i turisti a degradare quella zona ma stesso gli abitanti del posto. Quindi sono i primi gli abitanti del posto a non volere bene a quel luogo e te lo dice uno che non è di Oristano ma ci vive da 10 anni per lavoro e che ogni giorno vede di tutto in quel bosco…

Rispondi a Pinuccio Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome