Successi per de Ramecourt e Moroz al Mondiale Formula Kite. Podio per l’italiano Pianosi

Termina in bellezza l'Open Water Challenge 2021

Il podio maschile – Foto Luca Piana ©

Domenica, 17 ottobre 2021

Si è chiuso con la vittoria del francese Theo de Ramecourt, tra gli uomini, e dell’americana Daniela Moroz, tra le donne, il Mondiale Formula Kite di Torre Grande, appuntamento clou dell’Open Water Challenge 2021.

Sul podio maschile c’è anche un po’ di Italia, con il terzo posto conquistato da Riccardo Pianosi. Secondo invece il francese Axel Mazella.

Nella classifica femminile, alle spalle di Moroz si sono classificate l’inglese Ellie Aldridge e la francese Lauriane Nolot.

A Torre Grande per la prima volta gli atleti professionisti hanno gareggiato seguendo il format previsto per le prossime Olimpiadi di Parigi 2024.

La campionessa Daniela Moroz – Foto @ICARUS Formula Kite World Championship

Durante l’ultima giornata di regate il campo gara è stato spostato diverse volte a causa della variazione del maestrale. Gli atleti hanno gareggiato a poche centinaia di metri dalla spiaggia e per gli spettatori si è trattato di un vero e proprio spettacolo.

Sono state 83 le partenze registrate durante le due giornate finali della manifestazione.  Da Torre Grande la grande famiglia del Formula Kite World Championship si sposterà alle Canarie per la finalissima, in programma a novembre.

Il podio femminile – Foto Luca Piana ©

“La nostra associazione è onorata di aver organizzato e ospitato il Formula Kite World Championship”, ha commentato il presidente di Eolo Beach Sports Sebastiano Cau, “questa manifestazione premia l’attività quasi trentennale dei nostri tesserati e collaboratori. Sono orgoglioso del lavoro svolto, del risultato ottenuto e auguro agli atleti provenienti da tutte le nazioni di raggiungere il grande obiettivo delle Olimpiadi”. 

“Siamo felicissimi per questo Mondiale appena concluso”, ha aggiunto l’organizzatore dell’Open Water Challenge Eddy Piana, “siamo orgogliosi ed entusiasti per aver fatto conoscere Oristano al resto del mondo. Molti atleti hanno apprezzato il nostro mare e le condizioni ideali per praticare il kite, probabilmente in tanti potrebbero scegliere Torre Grande per gli allenamenti invernali. Si lavora già all’edizione dell’Open Water Challenge 2022 e proseguiremo il nostro lavoro in acqua e nelle diverse attività in spiaggia ed in mare che ospitiamo da Eolo. Ringrazio tutto il team di lavoro che in questi mesi ed in questi giorni ha lavorato senza sosta alla realizzazione di questo importante traguardo mondiale”. 

È un’enorme emozione vedere terminare con una giornata entusiasmante questo primo mondiale di Formula Kite”, ha detto Mirco Babini, presidente della Federazione Internazionale del Kiteboarding IKA e presidente di CKWI (Classe Nazionale di Kiteboarding e Wingfoil). “Sono state molte le sorprese e altrettante le conferme tra gli atleti che vedremo lottare fino alle Olimpiadi 2024. Non avremmo potuto chiedere di meglio per questo primo grande evento al mondo con il format olimpico”.

“Penso si sia scritto un capitolo di storia oggi a Torre Grande”, ha evidenziato il direttore sportivo dell’Open Water Challenge Sergio Cantagalli. “Il Golfo di Oristano ha ospitato forse uno degli eventi più importanti del kiteboarding e del sailing internazionale. Siamo appagati pienamente dello sforzo per rendere tutto questo possibile, felici di aver portato a termine il programma di gare con tempestività e professionalità, anche grazie alle condizioni meteorologiche che caratterizzano da sempre lo stesso Golfo di Oristano e le coste del Sinis. Siamo pronti per affrontare una prossima sfida con l’Open Water Challenge 2022”.

1 commento

  1. Complimenti a tutti !!! Però facciamo uno sforzo e cerchiamo di renderci conto che senza aeroporto non fa. Gli atleti e tutto l’indotto hanno necessità di arrivare sul posto in aereo, per cui serve l’aeroporto funzionante.

Rispondi a Forza Fenosu Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome