Ufficio anagrafe, per 10 giorni appuntamenti esauriti. E dal 20 servizi a chi arriva prima

Situazione sempre più complicata in Comune a Oristano a causa della carenza di personale

Lo sportello dell’ufficio anagrafe del Comune di Oristano

Mercoledì, 8 settembre 2021

Niente più appuntamenti fino al 17 settembre per i cittadini che hanno bisogno di un ottenere un documento dall’ufficio anagrafe del Comune di Oristano: fino a tutta la prossima settimana, non c’è più un posto disponibile.

A partire da lunedì 20 settembre, invece, si procederà senza più necessità di fissare un appuntamento, ma in ordine di arrivo. Saranno soddisfatte le richieste delle prime 12 persone che raggiungeranno gli uffici. Nelle giornate di rientro pomeridiano – il martedì e il giovedì – saranno eseguite le pratiche di altri 8 utenti.

Queste le novità fornite a chi chiama Palazzo degli Scolopi per fissare un appuntamento.

La soluzione risponde alla logica di ottimizzazione del lavoro degli unici due esecutori amministrativi rimasti nell’ufficio (dopo il pensionamento di quattro colleghi) tra le operazioni con il pubblico e le attività – molto più consistenti – di back office. Il rischio, ovviamente, è che la gara per arrivare allo sportello provochi assembramenti già prima dell’orario di apertura, e che tanti cittadini siano costretti a tornare più volte in Municipio, magari anche per pratiche urgenti.

Per far fronte all’emergenza manifestatasi la scorsa settimana, sono stati inviati in soccorso dei colleghi dell’ufficio anagrafe altri due dipendenti, che si divideranno tra le abituali mansioni e quelle temporanee nell’ufficio in grave carenza di organico.

Dall’ultimo giorno di agosto, a causa della carenza di personale, era stato necessario annullare tutti gli appuntamenti fissati: di fatto l’ufficio anagrafe si trovava paralizzato, con disagi per gli utenti ai quali veniva negato un servizio, ma anche per i dipendenti, costretti a una smodata mole di lavoro.

2 Commenti

  1. Vergognoso , prima Covid e ancora Covid ma volete far tornare la gente a lavoro e assumere quelli mancanti . Troppa gente si è grattata per bene con lo Smart working . Basta

Rispondi a Cittadino Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome