Tamponata l’auto della polizia locale: vigilesse ferite a Oristano

Coinvolte tre auto

L’incidente tra via Mattei e viale Diaz

Lunedì, 27 settembre 2021

Due vigilesse della polizia locale sono rimaste ferite in un incidente stradale avvenuto nel pomeriggio a Oristano, all’incrocio tra le vie Mattei e Diaz.

Le agenti erano a bordo della auto di servizio, una Jeep, che è stata tamponata da una Peugeot, tamponata da una terza auto, una Renault Twingo.

Ad avere la peggio sono state le due agenti che hanno riportato trauma alla colonna a causa del violento urto per l’impatto dell’auto che le seguiva.

Secondo quanto è stato accertato dagli agenti della Questura, la Jeep della polizia locale era diretta verso via Mattei quando si è fermata all’altezza delle strisce pedonali per far attraversare un pedone. La Peugeot Sw, guidata da un commerciante di Nurachi ha urtato violentemente l’auto della polizia locale. A sua volta la Peugeot è stata tamponata dalla Renault Twingo. Sia il commerciante che l’autista della Ranault sono rimasti illesi.

Le due vigilesse sono state soccorse dal personale del 118 e trasferite al Pronto soccorso per gli opportuni accertamenti.

Gli agenti della Questura hanno effettuato i rilievi di legge per accertare le cause dell’incidente.

Un’altra pattuglie della Polizia locale ha regolato il traffico che ha subito disagi.

Il commerciante di Nurachi ha fatto sapere di essersi fermato a debita distanza dall’auto di servizio della polizia locale e che, solo in seguito al tamponamento da parte della terza auto, la sua ha sbattuto alla Jeep della polizia locale.

2 Commenti

  1. Sono il commerciante di Nurachi, io mi sono fermato dietro la Jeep della Polizia locale ferma in prossimità delle strisce pedonali, a distanza. L’auto che sopraggiunge a non si è accorta, ha tamponato me mandando la mia auto contro la Jeep. I vigili erano una donna al volante e il collega uomo al pisto passeggero. Capisco la fretta nel voler pubblicare l’articolo, ma almeno informatevi bene e attenetevi ai fatti.

Rispondi a Marco Enna Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome