Oristano ovest, piano finanziario e cronoprogramma approvati in Giunta

Il progetto è finanziato dalla Regione, dal Comune e da privati

Il progetto “Oristano Ovest” – Foto sito Comune di Oristano

È arrivato il via libera al piano finanziario e al cronoprogramma per la redazione del piano integrato per il riordino urbano Oristano ovest. Ad approvarli è stata la Giunta comunale, su proposta dell’assessore all’Urbanistica Gianfranco Licheri.

Il programma è finanziato dalla Regione con 3 milioni di euro, ai quali si aggiungono ulteriori 230mila euro di cofinanziamento comunale e 144mila euro di finanziamenti privati.

“Il programma”, spiega il sindaco Andrea Lutzu, “ha l’ambizioso obiettivo di riordinare un’area della periferia sud-occidentale della città per superare le criticità della zona da tempo conosciute. L’ambito di intervento ha per baricentro il bacino compreso tra l’asse via Petri-via Madrid, via Ibba, via Pau e via Lisbona, interessando conseguentemente gli isolati limitrofi”.

A spiegare le prossime tappe ci ha pensato l’assessore Licheri: “Il cronoprogramma stabilisce il percorso di attuazione che dovrà completarsi con la realizzazione, il collaudo e la messa in esercizio delle opere entro il 2024”.

Andrea Lutzu

Le strategie specifiche del programma agiscono su tre sotto-ambiti principali. Il primo interessa l’accesso sull’area di San Martino attraverso il completamento della circonvallazione, la riqualificazione del giardino storico e della viabilità urbana.

Il secondo sotto-ambito investe l’area che dalla rotatoria di via Petri arriva al polo direzionale di via Lisbona, per cui è previsto l’intervento sullo spazio pubblico prospiciente il cimitero, la creazione di un asse di connessione ecologico-ambientale su via Lisbona, il completamento del progetto dell’Hub Sud.

Il terzo sotto-ambito riguarda il completamento della rete di connessione, in direzione San Giovanni dei Fiori, che si raccorda, oltre via del Porto, al parco lineare di Oristano est. 

Contestualmente a questi temi, si interviene con la valorizzazione e messa in rete dei beni presenti, il potenziamento dei servizi presenti (in particolare le aree di sosta e il verde pubblico attrezzato), il completamento degli interventi a contorno. In generale, sono strategie per l’area la riqualificazione/creazione di connessioni verdi e la riqualificazione urbanistico-edilizia.

Gianfranco Licheri

“Oristano ovest e Oristano est”, aggiungono Lutzu e Licheri, “sono due facce di una stessa medaglia, anello di congiunzione di un vasto programma che vuole ridisegnare la città. In questo contesto altrettanta importanza ha il programma ‘Qualità per l’abitare’ riservato alle frazioni, che completa un’idea generale di città. Iniziative nate con questa amministrazione attraverso le quali vogliamo mettere il focus su infrastrutture, soprattutto quelle orientate alla mobilità leggera, valorizzazione dei beni identitari, paesaggistici e storico-culturali, restituendoli all’accesso e alla fruizione dei cittadini, integrando il sistema dei servizi, rispondendo in termini quantitativi e qualitativi alle esigenze della città. Abbiamo avviato un processo di rivalorizzazione urbana equilibrato e armonico in tutte le parti della città”.

“Obiettivo primario di Oristano ovest” concludono il sindaco e l’assessore all’Urbanistica, “è il miglioramento dello spazio pubblico e privato attraverso la riqualificazione urbanistico-edilizia, con il recupero di spazi ed edifici degradati, la valorizzazione dei beni presenti nell’area e la realizzazione di nuovi spazi e strutture in aree attualmente inedificate”.

2 Commenti

  1. E come sempre le frazioni non esistono per il nostro comune, dovrebbero farsi un bel giro e vedere in che condizioni sono i marciapiedi.

Rispondi a Lea Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome