Ricettività turistica, uno sconto sulla Tari alle imprese in difficoltà

Estese le misure di sostegno dopo il Covid-19 previste da "Oristano per le imprese"

Immagine d’archivio

Giovedì, 27 maggio 2021

Sgravi Tari in arrivo a Oristano per le attività di ricettività turistica alberghiera ed extra-alberghiera esercitate in forma imprenditoriale. La Giunta comunale, su proposta dell’assessora alle Attività produttive, Marcella Sotgiu, ha previsto che l’intervento “Oristano per le imprese”, venga esteso anche a questo importante settore.

Per questo intervento la Giunta ha stanziato 50mila euro a valere sul fondo istituito lo scorso marzo con “Oristano per le imprese”. Il contributo da concedere dovrà essere attribuito a scomputo del tributo Tari dovuto per il 2021.

Sono interessate le attività ricettive alberghiere, le attività ricettive all’aria aperta, le attività ricettive extra-alberghiere (come definite dagli art. 14, 15 e 16 della L.R. n. 16/2017) gestite in forma imprenditoriale, che abbiano subito nel 2020 una contrazione del fatturato di almeno il 25% rispetto all’anno 2019, e nel primo trimestre del 2021 una contrazione del fatturato di almeno il 25% rispetto al corrispondente periodo dell’anno 2019, sempre a causa dell’emergenza Covid-19.

L’impresa che chiede accesso al beneficio deve essere attiva alla data del 1° gennaio 2021 e non deve aver cessato l’attività alla data di presentazione della domanda. Le richieste saranno finanziate fino ad esaurimento dei fondi.

Il contributo è una tantum nella misura massima del 30% degli importi Tari dovuti nel 2021 per ogni immobile destinato alla ricettività turistica, e comunque nel limite della disponibilità finanziaria.

La misura “Oristano per le imprese”, prevista già nel 2020, garantirà uno sconto sulla Tari anche a imprese, professionisti e associazioni. Il contributo da concedere dovrà essere attribuito a scomputo del contributo per il 2021. Si rivolge a ditte individuali, imprese artigiane e società titolari di partita Iva e iscritte alla Camera di commercio, professionisti e associazioni culturali, di promozione sociale, di volontariato, sportive dilettantistiche ed enti del terzo settore che hanno sede operativa a Oristano e che, nel periodo dal 1° gennaio 2021 alla data di presentazione della domanda, hanno sospeso totalmente o parzialmente l’attività per effetto delle disposizioni nazionali anti-contagio. L’impresa e il professionista devono essere attivi alla data del 1° gennaio 2021 e non aver cessato l’attività alla data di presentazione della domanda.

L’impresa che chiede accesso al beneficio deve avere un fatturato per il 2020 non superiore a 400mila euro; per i professionisti il fatturato massimo è di 50mila euro. Anche in questo caso le richieste saranno finanziate fino a esaurimento fondi.

Se chi presenta la domanda ha più sedi operative a Oristano, potrà beneficiare del contributo di 300 euro per la prima attività e di un ulteriore 50% del contributo per una sola seconda attività.

Gli uffici comunali dovranno ora predisporre l’avviso pubblico per la presentazione delle domande per gli sgravi Tari.

Marcella Sotgiu

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome