Sardegna in zona rossa: ecco cosa si può fare e cosa è vietato

Le restrizioni a partire da lunedì

Sardegna, zona rossa

Venerdì, 9 aprile 2021

Con l’indice di contagio tra i più alti in Italia – pari a 1,54 – lunedì la Sardegna sarà di nuovo zona rossa. Il ministro della salute Roberto Speranza ha annunciato l’ordinanza. Ciò comporta diversi divieti.

Spostamenti. Tutti gli spostamenti sono vietati, ad eccezione di quelli che si svolgono per salute, lavoro o necessità. Oltre a non potersi muovere all’interno della Regione, viene vietato anche lo spostamento all’interno del proprio comune. Per compiere tutti gli spostamenti consentiti è necessaria l’autocertificazione. Si può uscire per andare nei negozi aperti: unicamente quelli che svolgono servizi essenziali. Si possono fare passeggiate vicino alla propria abitazione o recarsi in un luogo di culto, anche questo vicino a casa propria.

I negozi aperti. La maggior parte dei negozi in zona rossa devono restare chiusi. Gli unici che possono aprire sono quelli che vendono beni di prima necessità e che rientrano nella lista delle attività essenziali.

Bar e ristoranti. Bar e i ristoranti devono rimanere chiusi. Possono lavorare con servizio d’asporto e consegne a domicilio. L’asporto è possibile fino alle 18 per i bar e fino alle 22 per i ristoranti. La consegna a domicilio, invece, non ha limiti di orario.

Scuola. Restano aperti gli asili nido, è assicurato in presenza anche lo svolgimento dell’attività scolastica delle materne, elementari e degli alunni del primo anno delle medie. Le attività didattiche della seconda e terza media e delle scuole superiori si svolgono esclusivamente in modalità a distanza. Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. La norma è valida fino al prossimo 30 aprile.

Attività motorie. L’attività motoria e le passeggiate possono essere effettuate, unicamente vicino alla propria abitazione e solo dalle 5 alle 22. Restano chiuse piscine e palestre, ma anche i centri sportivi. Aperti i parchi. Nel caso dell’attività sportiva in bicicletta o della corsa, è possibile spostarsi in un altro Comune, a patto che tale spostamento sia funzionale all’attività sportiva svolta.




14 Commenti

  1. Posso andare al vivaio ad arborea a comprare gli ortaggi da piantare nell’orto come da abitudine o devo per forza andare ad Oristano nonostante non siano disponibili le piante che mi servono?

Rispondi a Marieddu Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome