Il palasport supera il collaudo: potrà ospitare fino a 2.974 spettatori

È arrivato il parere favorevole della Commissione comunale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo

Il nuovo palasport di Oristano

Il nuovo palasport di Sa Rodia ha superato il collaudo della Commissione comunale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo.

La Commissione, presieduta dal sindaco Lutzu e composta da funzionari del Comune e della Polizia locale, della Assl, dei Vigili del fuoco e del Coni, ieri ha effettuato l’ultimo sopralluogo ai fini della verifica delle condizioni di sicurezza e agibilità.

Al termine delle verifiche la commissione ha espresso parere favorevole per una capienza complessiva di 2.974 spettatori.

“È un’ottima notizia per la città”, commentano il sindaco Andrea Lutzu e l’assessora allo Sport Maria Bonaria Zedda. “Il sopralluogo di ieri della Commissione”, proseguono, “si è concentrato prevalentemente su alcuni aspetti di carattere amministrativo, gli interventi di adeguamento della struttura richiesti nei mesi passati erano già stati realizzati e si è trattato per lo più di verificare la documentazione, per esempio degli impianti idrico antincendio e di illuminazione di sicurezza”.

Il sindaco Andrea Lutzu e l’assessore allo Sport Maria Bonaria Zedda

“Oggi”, aggiungono il sindaco e l’assessora, “il nuovo palazzetto dello sport rappresenta una importante realtà per il sistema sportivo cittadino, ma anche regionale. Confidando nel superamento dell’emergenza sanitaria e in un ritorno a una condizione di normalità, ci candidiamo a ospitare importanti eventi di valenza internazionale delle varie discipline, sapendo di poter contare su una struttura moderna e funzionale, capace di ospitare fino a 3mila spettatori, come poche ce ne sono nell’isola”.

“Il superamento del collaudo”, concludono, “è un elemento di valutazione in più anche per chi vorrà candidarsi a gestire l’impianto. Il nodo della gestione al momento rappresenta la questione più importante legata all’utilizzo continuativo della struttura. Siamo comunque fiduciosi di riuscire a trovare una soluzione in tempi ragionevoli”.

2 Commenti

Rispondi a Antonio 13 Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome