Una ciclostorica per Oristano: la proposta dalla Volantina

Il rilancio dell'associazione che ha un nuovo presidente, Gianni Mameli

Gianni Mameli alla prima edizione di Nuragika

Lunedì, 1° marzo 2021

Unire sport e attività culturali per rilanciare il progetto della Volantina. L’obiettivo dell’associazione è ambizioso: organizzare nell’Oristanese una ciclostorica, sulla scia di Nuragika, che parte dalle miniere Su Suergiu di Villassalto e passa anche da Armungia e Ballao.

Fondata una decina di anni fa da Roberto Delogu e Agostino Pilloni per dare una casa gli appassionati di bici d’epoca e classiche del ciclismo, l’associazione ha oggi uno slancio tutto nuovo. Il neo-presidente Gianni Mameli ha dato vita a un progetto ambizioso: grazie alla fusione con la Bikers & Brothers Mtb Asd di Oristano, la Volantina è oggi un’associazione sportiva dilettantistica. Non verrà però affiliata alla Federciclismo italiana ma al CSI. “Perché”, spiega Mameli, “il nostro obiettivo non è gareggiare, ma promuovere iniziative culturali ed eventi ludico-ricreativi”.

La nuova Volantina guarda al futuro ma non dimentica il passato. Delogu e Pilloni sono oggi presidenti onorari dell’associazione. “Non avevano più tempo per seguire le attività”, continua Mameli, “ma era giusto che avessero questo riconoscimento”.

Foto storica gentilmente concessa dal socio della Volantina Massimo Pusceddu. L’ultimo a destra è Mario Serra, zio di Pusceddu. Arbus 1920

Fondata nel 2006 da Aniello Menna, Alessandro Tocco, Silvio Pisu, Paolo Loria, Simone Luca Sanna, Dario Quagliata e dall’ultimo presidente Salvatore Serra, la Bikers & Brothers Mtb era da tempo lontana dalle gare di mountain bike e ciclocross. Con il matrimonio con la Volantina, ecco che la vecchia associazione sportiva torna d’attualità, coinvolgendo oltre agli appassionati di ciclismo anche gli amanti delle biciclette storiche o d’epoca.

“Per il momento”, prosegue il presidente, “si sono associati una decina di appassionati. Abbiamo già creato un nuovo sito web e rilanciato i vecchi profili social della Volantina”. Nonostante sia una associazione sportiva, la Volantina non si concentrerà sull’attività agonistica, ma su quella amatoriale. “Ci piacerebbe unire il mondo degli eventi culturali con qualche uscita in bici tra appassionati”, spiega ancora Mameli, “inoltre organizzeremo mostre di biciclette antiche, ciclopedalate a tema e offriremo supporto a chi desidera restaurare la propria bici d’epoca”. Tra gli obiettivi annunciati dal neo-presidente c’è anche la fondazione di un fan club intitolato a Fabio Aru.

All’orizzonte ci sarà la partecipazione alla prossima edizione di Nuragika. “Si tratta della prima ciclostorica organizzata in Sardegna. Molti di noi a settembre, se il Covid lo permetterà, saranno sicuramente al via della manifestazione. In futuro”, conclude Mameli, “non nascondo che mi piacerebbe organizzare una ciclostorica in provincia di Oristano”.

1 commento

Rispondi a Vincenzo Camedda Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome