Antonello Addari confermato alla guida del Gremio dei falegnami

Rinnovate le cariche in occasione della festa del patrono San Giuseppe

Foto Don Tonino Zedda

Venerdì, 19 marzo 2021

In occasione della festa di San Giuseppe, si sono tenute oggi a Oristano le elezioni del direttivo del Gremio dei falegnami. Alla presidenza è stato confermato il Majorale en Cabo Antonello Addari.

Insieme al Majorale en Cabo sono stati confermati per acclamazione anche il Secundu Majorale Antonello Fenu e tutto il consiglio. Nuovo mandato quindi per i consiglieri Antonio Mugheddu, Vicenzo Mattana, Marco Naletto e Antonio Sedda.

Confermati nel consiglio di disciplina Mauro Licheri e Carlo Pisanu.

Il cassiere sarà ancora Andrea Sanna e il segretario scelto dal presidente sarà Umberto Atzei.

Confermato alla carica di controllore (figura morale) il componente più anziano del gremio, Alfonso Fenu.

Addari era stato eletto presidente lo scorso settembre. Nel 2020 le elezioni non si erano tenute a marzo a causa della pandemia. Su proposta di un maestro del Gremio, è stato riconfermato per acclamazione l’intero consiglio uscente. Questo perché, a causa delle restrizioni anti-Covid, il Majorale en Cabo non ha avuto la possibilità di organizzare la Sartiglia 2021. Addari aveva comunque nominato il capocorsa Peppe Sedda, che lo scorso martedì 16 febbraio aveva vestito simbolicamente i panni del componidori, anche se la Sartiglia non si era poi corsa.

Stamane, alle 9, i soci del Gremio si sono ritrovati per la consueta messa in onore di San Giuseppe. La cerimonia, che si è tenuta nella chiesa di San Giuseppe e non in Cattedrale, è stata celebrata dal consigliere ecclesiastico don Tonino Zedda. Alla messa era presente il componidori dei falegnami del 2020, Cristian Matzutzi, accompagnato dal secondo Andrea Cinus e dal terzo Graziano Pala.

Terminata la messa i soci si sono poi spostati per l’elezione nella sede del Gremio, in via Eleonora. Come da tradizione, il componidori del 2021 Peppe Sedda ha ringraziato il Majorale en Cabo donando una bottiglia di vernaccia.

Antonello Addari (a destra) insieme a don Tonino Zedda. Foto archivio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome