A Oristano i pacchi di Coldiretti: alimentari in dono ai bisognosi

Contengono formaggi, salumi, pane carasau, riso, pasta e pelati

Battista Cualbu e Frediano Mura scaricano uno dei pacchi dono

Martedì, 30 marzo 2021

Sono arrivati nella sede di Oristano di Campagna Amica i pacchi che Coldiretti distribuirà alle famiglie bisognose in vista della Pasqua. L’iniziativa è stata promossa insieme a Campagna Amica e Filiera Italia.

Il carico di 400 pacchi del peso di 50 chilogrammi ciascuno è partito ieri da Roma. Gli alimenti da donare saranno suddivisi equamente tra tutti i territori dell’isola.

“Ringraziamo le tante imprese di Filiera Italia che hanno reso possibile tutto questo”, ha detto il presidente di Coldiretti Sardegna, Battista Cualbu. “Nei pacchi troviamo eccellenze agroalimentari italiane e sarde: formaggi, salumi, pane carasau, riso, pasta, pelati e tanto altro. Li consegneremo ai bisognosi, ma non solo: faremo visita anche alla comunità di padre Salvatore Morittu. Stiamo attraversando un momento difficile. In Sardegna, anche a causa della pandemia, ci sono tantissimi nuovi poveri. Con questo piccolo gesto speriamo di regalare ad alcune persone una serena Pasqua”.

“Oggi sono arrivati 20.000 chili di derrate alimentari”, aggiunge il delegato regionale Coldiretti Giovane Impresa, Frediano Mura, “che distribuiremo in tutte le province sarde. È un bel segnale che vogliamo estendere a tutto il mondo giovanile. Non dobbiamo rimanere indifferenti”.

Frediano Mura

Nei mesi scorsi Coldiretti aveva già organizzato iniziative simili. “Lo abbiamo fatto poco prima di Natale, ma anche all’inizio del 2021”, aggiunge Serafino Mura, responsabile dei mercati Campagna Amica per la provincia di Oristano. “I pacchi arrivano dalla Coldiretti nazionale. Ora li distribuiremo direttamente noi ai territori”.

Mura ha fatto anche il punto sui mercati Campagna Amica. “Le risposte sono positive”, dice il responsabile per la provincia di Oristano, “vendiamo prodotti a chilometro zero a costi competitivi e sostenibili. Inoltre, in questo periodo abbiamo evidenziato un aumento dei consumi”.

Serafino Mura

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome