Niente Sartiglia? Arriva la vestizione della pigotta componidori

L'omaggio realizzato da Gian Marco Patta per l'amico Maurizio Casu

pigotta-componidori-sartiglia

Lunedì, 15 febbraio 2021

Una bambola di pezza anche se vestita da capocorsa non può certo prendere il posto del componidori, quello vero. In tempo di pandemia però, anche un piccolo segno come questo avvicina Oristano alla Sartiglia e la Sartiglia a Oristano. A realizzare la pigotta è stato Gian Marco Patta. La dedica è per l’amico Maurizio Casu, il componidori scelto dal gremio dei contadini per questa edizione di Sartiglia.

“Chi meglio del professor Maurizio Casu, di cui mi pregio di essere amico, poteva essere Su Componidori in questo momento storico?
Ovviamente nessuno”, scrive Patta. “La Sartiglia 2021 sarà ricordata per essere una Sartiglia virtuale, non disputata realmente ma presente in tutti noi, una Sartiglia che quest’anno più che mai coniuga la storia e la contemporaneità. La pandemia ha imposto la mancata corsa alla stella, ma la Sartiglia 2021 c’è perché c’è su componidori, il professor Casu appunto”.

Sa pippia ‘e maju

“Certo”, continua ancora Patta, “è un componidori ologramma, è un componidori a distanza, è un componidori virtuale, ma proprio per questo Maurizio è la migliore scelta per su componidori pandemico“, rappresenta al meglio tutto quello che accade in questo periodo. Professore di storia e studioso di Sartiglia, questo evoca in me il valore storico della Sartiglia stessa: professore di scuola superiore costretto dalla pandemia alla didattica a distanza, abituato ormai all’uso alle tecnologie virtuali, in linea con la realtà contemporanea, è stato, ed è, comunque vicino agli alunni nel loro percorso di crescita formativa”.

“Quindi caro Maurizio”, conclude Gian Marco Patta, “passerai alla storia e io nel mio piccolo voglio dedicarti questa vestizione virtuale attraverso le foto della vestizione della pigotta componidori che avevo realizzato per mia figlia Elena Sofia. Auguri Maurizio e grazie”.

1 commento

Rispondi a Giulietta Murru Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome