Perché quei cartelli con i divieti esposti accanto alle ceramiche di Oristano?

La polemica del consigliere di opposizione, Efisio Sanna: "Come rovinare l'arte dei nostri ceramisti"

Il cartello con i divieti affisso proprio accanto all’opera in ceramica (foto di Efisio Sanna)

È giusto tutelare l’erba delle aiuole dalle impronte umane e dalle deiezioni animali. Ma era proprio necessario mettere quei cartelli di divieto accanto alle opere in ceramica che hanno trasformato il centro di Oristano in un museo a cielo aperto? Se lo chiede il consigliere del Pd Efisio Sanna.

“Come rovinare pregevoli opere d’arte dei nostri ceramisti”, commenta Sanna, mostrando alcune fotografie che ritraggono, appunto, i cartelli di divieto in bella evidenza vicino a meravigliose brocche in ceramica o ad uno dei simboli del carnevale di Oristano, la maschera indossata dai cavalieri.

Efisio Sanna

“Gusto estetico pari a quello di un cavernicolo”, continua Sanna, contestando il posizionamento dei cartelli, che definisce “penoso”.

“Oristano merita di più”, conclude il consigliere comunale Pd.

Cartelli poco artistici e ceramiche artistiche. Foto di Efisio Sanna

Mercoledì, 30 settembre 2020

9 Commenti

  1. Cavolo… una cosa molto importante da far emergere… perché non si fa emergere quello che è veramente importante? Il cartello si può spostare…

  2. Evidentemente qualcuno ci è salito sopra o ci ha fatto passeggiare il suo amico… Spostarli costa poco… Però adesso hanno fatto parlare…

  3. Perché oltre i cartelli l’assessore Sanna non fa un giro a controllare le pulizie delle strade… o dei tombini… magari ci sarebbe da spostare qualche operaio… anche per quello…

  4. Del primo tratto del ponte Tirso completamente buio dopo il tramonto quando diventa buio non frega niente a nessuno?
    Sarà pure competente la Provincia per quel tratto di strada che separa il centro commerciale Porta Nuova fino al Rimedio, ma è a dir poco scandaloso che le persone che per scelta o per necessità vogliono percorrerlo senza usare l’auto non possano farlo senza rischiare la vita.

  5. Eh si… anche io voglio far il consigliere… ne ho così tante di cose da consigliare… cmq se volete ci vado io… ci vuole due secondi a spostarlo… o ci vuole il permesso del supremo imperatore?

Rispondi a Anna Paola Erca Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome