A Torre Grande non si potrà fumare in spiaggia e in pineta: c’è l’ordinanza

Il provvedimento è stato fortemente voluto dall'assessore all'Ambiente Gianfranco Licheri

Niente sigarette in spiaggia a Torre Grande. Lo ha stabilito con un’ordinanza il Comune di Oristano. A dichiarare guerra al mozzicone selvaggio è l’assessore all’Ambiente Gianfranco Licheri.

Il documento che vieta il fumo nell’arenile oristanese è stato firmato dal vicesindaco Massimiliano Sanna. Il provvedimento sarà valido fino al 31 ottobre, anche nelle aree della spiaggia in concessione e nelle pinete. Gli oristanesi, ma anche i non residenti, non potranno fumare a Torre Grande entro 40 metri dalla riva.

“Affidarsi al senso civico dei cittadini e sempre una buona regola, ma molte volte non è sufficiente e allora occorre essere più severi perché l’ambiente venga rispettato”, spiega l’assessore all’Ambiente Gianfranco Licheri. Ecco quindi spiegato il divieto di fumo: “È sufficiente farsi una passeggiata in una spiaggia qualsiasi e vedere distese di mozziconi di sigaretta. Torre Grande non fa eccezione nonostante siano state tante le iniziative per sensibilizzare i bagnanti al rispetto dell’ambiente. Ricordiamo che oltre agli evidenti danni all’ambiente per il proliferare di rifiuti non biodegradabili, la saliva contenuta nei mozziconi può essere un potenziale veicolo di trasmissione di malattie virali”.

Gianfranco Licheri

“Posacenere e cestini”, spiega ancora Licheri, “evidentemente non sono sufficienti e occorre stabilire regole certe e sanzioni in grado di dissuadere anche i bagnanti più indisciplinati. Da oggi, dunque, vita dura per i fumatori, sigari e sigarette sono vietati. Chi non rispetta il divieto, fatte salve altre sanzioni ai sensi di quanto previsto dal Codice penale e da altre norme in materia di tutela dell’ambiente, incorre in una multa che va da 25 a 500 euro”.

L’ordinanza è stata adottata anche “con l’obiettivo di garantire una maggiore tutela della salute che giustifica una regolamentazione più stringente anche negli spazi aperti frequentati da tante persone tra cui i soggetti maggiormente vulnerabili, come bambini e donne incinta”, conclude l’assessore.

Intervista all’assessore Gianfranco Licheri – Ufficio stampa Comune di Oristano

Giovedì, 13 agosto 2020

3 Commenti

  1. Va bene l’ordinanza, però bisogna anche farla rispettare, frequento la spiaggia di Torre Grande e non ho mai visto un vigile urbano, mentre i maleducati fumano impuniti.

Rispondi a Lella Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome