Torre Grande, idee nuove e imprenditori giovani. E ora la Festa del gusto

Il Centro commerciale naturale in prima fila per il rilancio della borgata

La Festa del Gusto internazionale stuzzica il fine settimana a Torre Grande. L’evento, curato dall’associazione Invitas, è stato organizzato da Comune, Input On Stage, Consulta giovani e Centro commerciale naturale di Torre Grande.

Proprio il Centro commerciale naturale ha avuto un ruolo chiave nella programmazione degli eventi estivi. “Prima dell’arrivo del Covid-19 eravamo pronti a una stagione ricca di appuntamenti, poi la pandemia ha cambiato i nostri progetti”, commenta il presidente Antonio Caria.

Caria, 25 anni, punta a rilanciare la borgata marina: “Fino a qualche anno fa Torre Grande era una piccola bomboniera per Oristano, poi è iniziato un lento declino. I locali, che prima facevano numeri importanti e lavoravano bene, hanno risentito più di tutti del calo di presenze”.

I sogni e le ambizioni dell’attuale presidente del Centro commerciale naturale partono da lontano: “La mia avventura è iniziata sei anni fa con un chiosco qui sul lungomare”. Solo più tardi è arrivato il ristorante Il Lido: “Volevo affacciarmi al mondo della ristorazione. Così, due anni fa, ho aperto un locale proprio di fronte all’Area 39. Attenzione e cura dei dettagli sono un mio chiodo fisso, fanno davvero la differenza in questo mondo. Non sono uno che scommette, l’ho fatto perché sono innamorato di Torre Grande”.

Antonio Caria, presidente del Centro commerciale naturale di Torre Grande

Il Centro commerciale naturale era in cantiere già da tempo, ma è diventato realtà soltanto a gennaio 2019: “Un anno e mezzo fa io e Fabrizio Corona dell’Oasi Caffè ci siamo detti che era arrivato il momento di muoverci. La Confcommercio ha creduto nel nostro progetto e ci ha aiutato a muovere i primi passi”. L’unione fa la forza, questa la strada tracciata da Caria: “Qui a Torre Grande le aziende e le associazioni presenti sul territorio stanno lavorando insieme per offrire attrattive ed eventi a oristanesi e ai turisti”.

Il Centro commerciale è stato supportato anche dal Comune e dalla Fondazione Oristano. “La Fondazione può fare la differenza”, continua Caria. “L’obiettivo è far diventare la nostra città una destinazione turistica. Basta lamentele, noi giovani dobbiamo impegnarci e lavorare in prima linea se vogliamo davvero cambiare le cose”.

L’estate sarà ricca di eventi, ma si punta anche a destagionalizzare l’offerta: “Torre Grande c’è tutto l’anno, non solo a luglio e agosto. Speriamo di proporre qualcosa anche più avanti, per il momento però ci concentriamo sulla stagione in corso”. Tra le novità a breve potrebbe esserci il teatro: “Ne stiamo parlando con la Fondazione Oristano e con la Pro loco. Turismo e cultura devono andare a braccetto”.

Sabato, 18 luglio 2020

1 commento

Rispondi a Antonio Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome