Pulizia delle strade, si comincia: è arrivata la spazzatrice, ma prima il carro attrezzi e la multa

Ore 7: nel centro di Oristano stamane è partita l’operazione strade pulite. Dopo anni di discussioni e anche polemiche in città d’ora in avanti le strade verranno spazzate seguendo un calendario preciso e soprattutto, così come accade da tempo in molte città, liberando la carreggiata dalle auto, quindi, facendo scattare divieti di sosta temporanei e comunque fissati in precisi giorni della settimana e del mese e in precisi orari.

Nei giorni scorsi il Comune ha fatto installare i cartelli in via Carducci, via Manzoni e via Alfieri da dove oggi si è cominciato.

Sono state inviate anche lettere ai residenti, sono stati diffusi alcuni avvisi. Evidentemente non è bastato se alle 7 di oggi, appunto, in via Carducci c’erano 21 auto parcheggiata negli stalli, 10 in via Manzoni e due in via Alfieri, nonostante i divieti.

Ma c’erano anche i carro attrezzi, sei mezzi schierati in via Carducci, dove dopo mezzora di tolleranza e con l’arrivo degli agenti della polizia municipale, al comando del dirigente Giuseppe Raschiotti, sono entrati in azione. Rimozione forzata, verbale, multa da pagare e la perdita di tempo di dover andare a ritirarsi l’auto nel deposito.

Poco prima delle 8 le spazzatrici della società Formula ambiente hanno potuto avviare la pulizia delle strade.

Via Carducci è stata ripulita su entrambi i lati, via Manzoni e via Alfieri sono su un lato, perché si procede a giornate alterne e si tornerà in azione lunedì.

Gianfranco Licheri

L’esordio prevede una fase sperimentale, ma l’assessore comunale Gianfranco Licheri ripete: “Il nostro obiettivo è estendere progressivamente il sistema a tutte le aree interessate allo spazzamento per consentire la piena efficacia degli interventi. Ovviamente ci auguriamo che tutti comprendano l’importanza di lasciare libere le strade e che quindi i controlli e le sanzioni non siano necessari.

1 commento

  1. mi risulta che la pulizia delle strade si debba fare di notte, come in tutte le città civili. Di giorno una persona ha necessità di poter accedere alla propria vettura ed inoltre per pulire la strada si interrompe anche il traffico. A Porto Torres, tempo fa ho preso una multa per non aver visto il cartello. Ho pagato in silenzio perché avevo torto. Ma portare via la macchina è un abuso, gravato anche da ulteriori spese, e non è questo il modo di sanare il deficit del Comune, a spese di cittadini che già hanno subito gravi torti economici causa emergenza covid. È giusto pulire e sanificare le strade, ma di notte, e con largo anticipo di cartelli che segnalano date e ore. Ripeto, portare via la vettura è un abuso che deve terminare. Spero che tutti reclamino, con una forte contestazione da parte delle opposizioni in Comune

Rispondi a italogermano carpentieri Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome