Superare l’emergenza coronavirus con le note: l’esperienza degli studenti del Liceo musicale

La professoressa di flauto traverso Manis: "Stanno lavorando tanto"

Claudia Columbu della 5° AM e nel riquadro in alto a destra la professoressa Martina Manis

“La musica è il miglior mezzo per sopportare il tempo”, diceva il poeta Wystan Hugh Auden, e in questi giorni di quarantena la frase diventa più che mai vera per i ragazzi del Liceo musicale dell’istituto “Benedetto Croce” di Oristano. Strumento alla mano, compagni e professori dall’altra parte di uno schermo, ragazzi e ragazze provano a dare una parvenza di normalità al periodo che stanno vivendo, attraverso le note di brani che conoscono bene o su nuovi spartiti da studiare.

“La scuola è anche socialità”, commenta la professoressa di flauto traverso del liceo, Martina Manis, “e in questa situazione molti ragazzi si sentono tristi. Per questo quello che facciamo con loro, attraverso la piattaforma di Google Hangouts, e prima ancora con Skype e Whatsapp, è chiacchierare per capire come stiano”. Non solo didattica, insomma. Come in classe, c’è anche spazio per creare e mantenere i legami.

“Quando studiamo un nuovo brano”, spiega ancora la professoressa Manis, “lo facciamo insieme, mentre sono individuali le lezioni di strumento”. Ciascuno studente, in videochiamata con la professoressa, esegue gli esercizi assegnati col proprio strumento. Unica nota un po’ stonata: il suono non arriva in tempo reale, perciò non si possono fare esercizi di musica d’insieme. Con le lezioni individuali il problema è risolvibile con l’utilizzo del metronomo da parte di chi esegue il brano.

“La teledidattica ci aiuta molto a livello psicologico”, prosegue la professoressa Martina Manis: “scandisce la nostra settimana e ho notato che i ragazzi si stanno impegnando molto di più”. Alcuni di loro, quelli del triennio, collaborano anche con il Conservatorio di Sassari, con il quale il liceo ha una convenzione per le attività di orientamento, naturalmente in videoconferenza.

Insomma, anche a distanza, gli studenti musicisti del Liceo musicale di Oristano continuano a svolgere le loro attività quasi come prima dell’inizio dell’emergenza, giudizi degli insegnanti compresi. “Stiamo valutando il loro impegno anche attraverso la piattaforma”, conclude la professoressa di flauto traverso, “e stanno lavorando veramente tanto”.

Giovedì, 23 aprile 2020

1 commento

Rispondi a Maddalena Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome