I colori di Simone Tratzi nel manifesto di Su Bandu

Lo studente dell'Artistico è il vincitore del concorso promosso dai Tamburini e Trombettieri Pro loco Oristano

Simone Tratzi riceve l’assegno da Francesco Marras – Foto Tamburini e Trombettieri Pro loco Oristano

Sarà il disegno di Simone Tratzi, studente del Liceo Artistico di Oristano, l’immagine grafica nel manifesto ufficiale di Su Bandu dalla prossima domenica di Sartiglia, il 23 febbraio.

La scelta e la premiazione del giovane artista è avvenuta questa mattina nell’aula magna del Liceo Classico S.A. De Castro.

Il disegno vincitore

L’opera che, tra le mani del banditore, Sandro Piras, girerà le vie del centro storico di Oristano annunciando l’avvio della giostra equestre, è stata scelta da una giuria di esperti, composta dal presidente della Pro loco di Oristano, Gianni Ledda e da alcuni rappresentanti del direttivo e del gruppo dei Tamburini e Trombettieri Pro Loco Oristano, ideatori del concorso.

“Il disegno ci ha immediatamente colpiti”, ha detto Bruno Cotza, collaboratore del direttivo dei musici dell’associazione di Oristano, “è moderno e fresco, ma nello stesso tempo è riuscito a valorizzare la storicità del bando”.

Il disegno raffigura il banditore a cavallo, accompagnato dai musici con trombe e tamburi e vivacizzato dai colori dei coriandoli, in un mix perfetto tra trazione e modernità.

Dopo l’annuncio e la consegna di un assegno del valore di 400 euro al vincitore, trombe e tamburi hanno dato risuonato nella palestra del Liceo, regalando agli studenti e agli insegnanti presenti un anticipo di Sartiglia e tanta emozione.

Agli studenti che hanno preso parte al concorso e al dirigente del Liceo, Pino Tilocca, è stata anche regalata una spilla dei Tamburini e Trombettieri Pro loco Oristano, appuntata al petto a ciascuno di loro da Francesco Marras, componente effettivo del direttivo.

Questa la classifica generale del concorso.

Simone Tratzi

Chiara Marchi

Gaia Moro

Camilla Ricci

Simone Placido

Sabato, 8 febbraio 2020

1 commento

Rispondi a Greca Firinu Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome