La Sartiglia in un gioco di carte: iscrizioni aperte al torneo

L'iniziativa dell'oristanese Peppe Cau

La Sartiglia si trasforma in un gioco di carte. Dal 21 gennaio al 13 febbraio, alla Mutuo Soccorso a Oristano, in via Solferino 58, chi vorrà potrà iscriversi e tentare la sorte con il gioco da tavola ispirato al tradizionale carnevale oristanese e ideato dal grafico Giuseppe “Peppe” Cau. Poche e semplici regole e un solo obiettivo: divertirsi.

“Ho trovato nello sgabuzzino due scatole che contenevano vecchi mazzi di carte da me realizzati del gioco Pariglia”, spiega l’ideatore del gioco e grafico Giuseppe Cau, “In un primo momento ho pensato di venderli online poi però ho deciso di realizzare questo torneo di carte, aperto a tutti e gratuito e di regalarli a chi avrebbe partecipato”.

Il torneo Pariglia infatti non prevede nessun premio finale ma per le 12 squadre partecipanti, Giuseppe Cau regalerà i 30 mazzi disponibili. Anche l’iscrizione sarà gratuita, con possibilità per le ditte e le attività oristanesi che vorranno sponsorizzare l’evento, di porre il loro nome alle varie squadre che giocheranno al torneo.

Carte “Pariglia”. Foto Facebook – Peppe Cau

Come si gioca
Si gioca in sei persone, due squadre avversarie composte da tre giocatori ciascuna. Una partita è divisa in due manche ed ognuna di queste in dieci mani. Lo scopo del gioco è di totalizzare il maggior numero di punti (sommando quelli delle due manche), a parità di punteggio la partita è da rifare.

Il mazzo
Il mazzo è composto da 70 carte ed è suddiviso in tre gruppi riconoscibili dal colore del dorso. Il gruppo verde, che si compone di 10 carte-punto (che le squadre dovranno contendersi); il gruppo rosso, composto da 30 carte suddivise in 10 pariglie, gruppi di tre carte riconoscibili dallo stesso colore delle rosette e dallo stesso numero (da zero a nove).Infine, il gruppo blu che ha le stesse caratteristiche del gruppo rosso.

Per il regolamento completo, visitare il sito: https://oristano.wordpress.com/2019/12/29/pariglia/

A tutti i partecipanti sarà regalato 1 mazzo dopo il primo incontro, a prescindere dal fatto che vincano o perdono. In caso di vittoria le squadre potranno poi decidere se continuare con le semifinali e finali del torneo e magari vincere il 1° torneo internazionale “Pariglia”.

“Per tutto il mese di gennaio”, spiega sempre Giuseppe Cau, “saranno a disposizione diversi mazzi per chi si volesse allenare”.

Il gioco Pariglia
“Ho realizzato e ideato il gioco nel 1993”, racconta Giuseppe Cau, “Dopo 10 anni, collaborando in quel periodo con una ditta di cartotecnica, ho chiesto quanto poteva venire a costare la stampa di un migliaio di mazzi. Si poteva provare. Da lì ho contattato due fotografi oristanesi per farmi dare le foto dei cavalieri delle varie pariglie; e sentito una ventina di ditte per un contributo per le spese di stampa in cambio del loro logo nelle carte. Infine, nel 2004, Pariglia ha partecipato al Premio Archimede, organizzato da Studiogiochi, un concorso internazionale che ha per tema l’ideazione di giochi da tavolo inediti”.

Giovedì, 16 gennaio 2020

2 Commenti

Rispondi a Tomasa Cancella la risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome